Storia della Liberazione Italiana e il ruolo chiave di Napoli: 25 aprile

Storia della Liberazione Italiana e il ruolo chiave di Napoli

Storia della Liberazione Italiana e il ruolo chiave di Napoli

Oggi 25 aprile festeggiamo l’anniversario della Liberazione Italiana, un giorno fondamentale per la storia della nostra nazione, dall’enorme significato politico, storico, militare ed infine umano. Rappresenta, infatti, la vittoriosa lotta di resistenza militare e politica durante la Seconda Guerra Mondiale, contro il governo fascista e l’occupazione nazista.

Storia della Liberazione Italiana e il ruolo chiave di Napoli. IL RUOLO CHIAVE DI NAPOLI:

Tutta l’Italia fu liberata dall’oppressione dei tiranni, ma la città di Napoli ebbe un particolare ruolo in questa vicenda, per due motivi: il primo è che iniziò la liberazione dal fascismo e nazismo con circa un anno e mezzo di anticipo, il secondo è che fu una città strategica per le forze alleate che sbarcarono qui nell’ottobre del 1943. In quello stesso anno la nostra città si era già ribellata agli invasori. Dal 27 al 30 settembre, infatti, ci furono le celebri quattro giornate di Napoli, in cui un’insurrezione popolare liberò la città dalle forze armate tedesche, permettendo agli americani di sbarcare in una città già liberata ed organizzare con più calma una strategia di liberazione per il resto dell’Italia.

PERCHE’ NAPOLI SI RIBELLO’ PER PRIMA:

La nostra città fu la prima a ribellarsi perché, in quel periodo, fu la più colpita dai bombardamenti nemici. Furono distrutti edifici storici ed interi quartieri furono rasi al suolo. Gli occupanti tedeschi inoltre, imprigionavano i civili e commettevano ogni genere di atrocità. Queste azioni portarono nel popolo napoletano un sentimento di disperazione, ma anche un’enorme volontà di agire.

Storia della Liberazione Italiana e il ruolo chiave di Napoli

LA LIBERAZIONE NEL RESTO DELL’ITALIA

In Italia, invece, fu il 25 aprile del 1945 che il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia proclamò l’insurrezione in tutti i territori ancora occupati dai fascisti. Fu indicato alle forze partigiane di attaccare i presidi fascisti e tedeschi imponendo loro la resa.

Sono passati esattamente 75 anni e continuiamo ad onorare questo giorno con patriottismo, orgoglio e memoria verso chi ha lottato per regalarci un futuro migliore.

Quest’anno purtroppo l’anniversario ricorrere in una situazione particolare, che però ci ricorda quei valori, che soprattutto in questo momento, non devono essere dimenticati. Persistenza, contegno e volontà di cambiamento!

BBQ (parte del complesso Jemming), in attesa che tutto torni come prima, vuole condividere insieme a voi informazioni e curiosità relative alla storia o argomenti generali, per rendere questi giorni più costruttivi ed interessanti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *